San Giorgio a Cremano, Napoli, Italy

Ecografia Oculare

esami diagnostici Esistono alcuni casi in cui non tutte le parti dell’occhio sono visibili ai normali e più diffusi test oculistici, per esempio in caso di opacità corneali o del cristallino: ecco perché a volte potrebbe esserci bisogno di un esame che permetta allo specialista di avere una visione del bulbo approfondita. 

Questo esame è proprio l’ecografia oculare, che grazie all'azione degli ultrasuoni permette una mappatura perfetta di ogni parte dell’occhio analizzato.Come funziona l’ecografia oculare? L’ecografia oculare è un esame diagnostico  non invasivo né doloroso: viene effettuato in breve tempo e non necessita di preparazione o di degenza. Nella pratica, per prima cosa il medico specialista provvede ad applicare un gel sulla palpebra del paziente: sarà il gel che consentirà la conduzione degli ultrasuoni. 

Successivamente si appoggerà una sonda a ultrasuoni collegata a un ecografo sulla superficie della palpebra. Gli ultrasuoni penetreranno all’interno dell’occhio e si rifletteranno sui suoi tessuti, trasmettendo all’ecografo echi di ritorno che verranno captati e registrati sotto forma di immagini, restituendo la struttura dell’occhio analizzato.Esistono diversi metodi di riproduzione e registrazione dell’immagine da ecografia; i principali sono l’ecografia oculare A-SCAN, che produce un’immagine monodimensionale in cui l’ampiezza di ogni eco è rappresentata sotto forma di picco rispetto a una linea di base, e l’ecografia oculare B-SCAN, che produce invece una sezione dell’orbita o del bulbo.  

L’ecografia oculare viene impiegata in ambito diagnostico specialistico per comprendere se vi siano patologie in atto o problemi all’occhio non visibili a un normale esame. In genere viene utilizzata nello studio di patologie quali: tumori,patologie della retina e della coroide, problemi al nervo ottico e distacco della retina.

Oculistica e ricerca
la Gepos in uno studio contro la resistenza antibiotica

L’Oculistica della Casa di Cura Gepos, guidata dal dottor Giorgio Cusati , prescelta come compartecipante di uno studio multicentrico, ha ottenuto risultati positivi. Lo studio clinico mirava a indagare l’efficacia di una terapia post operatoria per la cataratta che non si basasse sulla somministrazione di colliri antibiotici di sintesi, in maniera tale da evitare l’eventuale sviluppo di ceppi resistenti.

Il dottor Giorgio Cusati e la sua equipe, selezionati in base all’altissimo numero annuale di interventi eseguiti presso la Casa di Cura telesina, hanno così utilizzato sui pazienti un collirio a base di ossigeno attivo.

Il farmaco, privo di antibiotici di sintesi, si è dimostrato efficace nel ridurre la carica batterica del sacco congiuntivale a valori bassissimi, per cui sicuri per la chirurgia, paragonabili a quelli ottenuti con la somministrazione del farmaco tradizionale.

“Dai risultati restituiti dallo studio, possiamo affermare di essere stati in grado di effettuare una terapia preoperatoria efficace. Contemporaneamente, abbiamo evitato la diffusione di ceppi resistenti. Una riuscita che ci incoraggia nel proseguire la strada non solo della prevenzione e della cura per il paziente: vogliamo portare avanti lo studio di terapie innovative per migliorarne ulteriormente il percorso. Siamo tra i centri che effettuano, proporzionalmente alle nostre dimensioni, tra i numeri più elevati di interventi chirurgi. Un bacino di studio ampio e un motivo di orgoglio per i risultati che riusciamo a garantire”.

Giorgio Cusati è iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia di Benevento dal 1997. E’ membro della Società Oftalmologica Italiana dal 1993. Fa parte dell’ American Academy of Ophthalmology dal 2002. E’ componente della Sitrac (Società Italiana Trapianto di Cornea) dal 2000, della Sicsso (Società Italiana Cellule Staminali e Superficie Oculare) dal 2007. E’ iscritto all’Rscrs (European Society Cataract and Refractive Surgery) dal 2000 e all’ Ascrs (American Society Cataract and Refractive Surgery) dal 2003.

Cataratta Cusati Ricerca

Chirurgia della Cataratta
Centro di Eccellenza

Il Dott. Giorgio Cusati, ha partecipato allo studio clinico multicentrico come : Sperimentatore Principale allo Studio Clinico Multicentrico ‘ELOOM’ sulla Profilassi Operatoria della Cataratta .

E' stato inserito fra i 20 centri sperimentali italiani del gruppo di studio ELOOM (Efficacia dell'olio liposomiale ozonizzato sulla flora microbica oculare prima dell'intervento di cataratta).

Un'ulteriore attestato della continua ricerca e attenzione alle nuove terapie che conferma Giorgio Cusati fra le eccellenze a livello nazionale per la chirurgia di cataratta.

Prenota la tua Visita Oculistica